L’anatocismo è il fenomeno per il quale gli interessi già pagati producono a loro volta interessi. Questo deriva dall’uso della capitalizzazione composta degli interessi invece di quella semplice. L’uso della capitalizzazione composta degli interessi comporta che l’imponibile sul quale si calcolano gli interessi del trimestre comprenda anche gli interessi che avete già pagato precedentemente, quindi un calcolo di interessi su interessi.

Questa pratica non è legalee la nostra società ti può aiutare a capire se sei stato vittima di anatocismo.

RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA GRATUITA

SCOPRI SUBITO SE PUOI OTTENERE UN RIMBORSO DALLA TUA BANCA!

L’anatocismo è un fenomeno che si sviluppa nel metodo di ammortamento francese, il quale usa appunto il tasso composto.

anatocismo

Come si può notare dal grafico il montante nella capitalizzazione semplice è più alto di quello composto nel primo anno. Dopo il primo anno il montante è il montante a capitalizzazione composta ad essere più alto. È quindi logico pensare che per un mutuo che dura più di un anno è molto più conveniente la capitalizzazione semplice che cresce in modo lineare a quello composto che cresce in modo esponenziale.

Non sapete se siete vittima di anatocismo?

L’anatocismo è una pratica molto diffusa nelle banche Italiane che per molti anni hanno approfittato in modo illecito somme ingenti di denaro . Il nostro team di esperti offre una pre-analisi per verificare se ci sono dei presupposti che implicano l’anatocismo. Questo comporta l’analisi degli estratti conto trimestrali e un analisi econometrica per verificare se ce congruenza tra i dati.

RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA GRATUITA

SCOPRI SUBITO SE PUOI OTTENERE UN RIMBORSO DALLA TUA BANCA!

Esistono diversi tipi di anatocismo

Per l’anatocismo sui mutui I documenti necessari ai fini dell’analisi sono:

  • Copia contratto mutuo.
  • Copia contratto di ammortamento.
  • Copia eventuali allegati di natura strettamente contabile.

Per l’anatocismo sul conto corrente ci sono dei requisiti per poter richiedere un risarcimento:

  • Avere un conto corrente aperto entro il 2000.
  • Il conto corrente deve essere ancora aperto, o chiuso da non più di 10 anni . Questo perché dopo 10 anni dalla chiusura del conto “il reato” va in prescrizione.

Il Codice Civile ha previsto che la forma di capitalizzazione che si dovrebbe usare è quella semplice e che quindi non si devono pagare interessi sugli interessi già pagati.

L’Art. 1283 del Codice Civile recita: “In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi.”

Copyright © Gruppo IMIS s.r.l. 2013. All Rights Reserved. SEDE LEGALE via Cassolo, 6 - 20122 Milano - P.IVA 08188690963 - N°REA MI-2008369
E. info@gruppoimis.it | Privacy & Cookie